Possessione, la Mostra al Museo di Paestum

Fino al 30 aprile 2017 al Museo Archeologico Nazionale di Paestum, sala “cella”, il Parco Archeologico affronta il tema della difesa del patrimonio con la mostra "Possessione. Trafugamenti e falsi di antichità a Paestum".

Scavi clandestini comportano la perdita non solo degli oggetti stessi ma anche del loro contesto stratigrafico, e quindi di tutta una serie di informazioni che sono fondamentali per la conoscenza del mondo antico – evidenzia il curatore della mostra e direttore del Parco, Gabriel Zuchtriegel – La questione del possesso incide sull’essenza dell’opera d’arte: possesso e possessione sono pertanto questioni di estetica, intesa come disciplina filosofica, oltre che di legislazione e tutela.

Inseriti in collezioni private dove spesso sono affiancati a falsi di vario genere, gli oggetti antichi perdono la loro attinenza con la storia collettiva, per essere ridotti allo stato di una merce o di un semplice godimento estetico. Sono sempre gli stessi oggetti, ma il cambiamento del contesto in cui sono inseriti comporta un mutamento intrinseco del loro valore artistico e culturale.

Il catalogo della mostra è edito da di Arte’m con saggi di: Angelo Bottino, Tsao Cevoli, Marina Cipriani, Luigi Gallo, Yelena Kovalyova, Carmine Lubritto, Angela Pontrandolfo, Grete Stefani, Gabriel Zuchtriegel


Orari: da lunedì a venerdì 8.30 – 19.30 (ultimo ingresso 18,50); sabato fino a ottobre 8,30 – 22.30 (ultimo ingresso 21,50)

Biglietto:
- € 3,00 solo mostra;
- € 9,00 Museo e area archeologica;
- € 10,00 mostra, Museo e area archeologica

indietro
precedente successivo