Il prossimo 4 marzo, ingresso gratis ai musei!

La prossima domenica, in occasione delle #domenichealmuseo, musei, siti archeologici, monumenti, resteranno aperti per accogliere cittadini e turisti alla scoperta del patrimonio culturale campano.

Ogni prima domenica del mese, da Luglio 2014, vi è la possibilità di visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato, senza pagare il biglietto d’ingresso. In questi anni, sono stati oltre 10 milioni i visitatori, in tutta Italia, che hanno aderito all’iniziativa #domenichealmuseo.

 

Nel territorio salernitano, la mappa dei siti che resteranno aperti domenica 4 marzo, per accogliere cittadini e turisti alla scoperta del nostro patrimonio culturale, è molto ampia. 

 

Elenco dei siti archeologici e dei musei aperti domenica 4 Marzo 


Parco archeologico di Eleia-Velia – Ascea (Salerno) 
C.da Piana di Velia
Telefono: 0974972396
Le strutture architettoniche della città antica sono immerse in una vasta area di macchia mediterranea e di rigogliosi uliveti costituendo uno splendido connubio tra archeologia e natura.

 

Museo Archeologico di Atena Lucana
Via S. Maria
Telefono: 09779050
L'Antiquarium espone, nei locali ottocenteschi dell'ex municipio, una selezione dei corredi delle necropoli in successione cronologica dal VII al IV sec. a. C., dalla ceramica con decorazione geometrica di produzione indigena ai vasi con decorazione a figure rosse di età lucana. 

 

Museo Archeologico Nazionale "M. Gigante" di Volcei e Parco Archeologico Urbano – Buccino (Salerno) 
Piazza Municipio, 1
Telefono: 0828951815
Il Museo Archeologico Nazionale di Volcei vuole ripercorrere, attraverso i reperti in esso raccolti, la lunga e affascinante storia delle popolazioni che nei secoli hanno abitato le colline sulle quali si affacciano i monti Alburni. 

 

Museo degli antichi saperi di Buonabitacolo (Salerno)
Via Roma - Buonabitacolo
Orario: su prenotazione
Telefono: +393490793155
Il Museo, nato per iniziativa di Maurizio Vignati e promosso dall’Amministrazione Comunale e dall’Associazione Palazzo Picinni-Leopardi, è suddiviso in sezioni che raggruppano di volta in volta oggetti e strumenti di lavoro (filatura, pelletteria, sartoria, falegnameria, ferro, cucina, ecc.). Il museo è aperto a tutti gli amanti della storia locale. In particolare si vuole rivolgere al mondo della scuola, per il quale sono previsti percorsi didattici articolati, e al mondo delle associazioni culturali, affinché possano avere a disposizione un ulteriore strumento per svolgere il proprio lavoro.


Parco e Museo archeologico di Paestum – Capaccio (Salerno) 
Via Magna Grecia
Telefono: 0828811023
Il Museo archeologico Nazionale raccoglie gli eccezionali reperti provenienti dalla città e dal territorio di Poseidonia-Paestum: dalle suppellettili preistoriche ai corredi funerari della città lucana, dai resti architettonici e scultorei alle terrecotte.

 

Museo Archeologico Nazionale di Eboli e della media valle del Sele – Eboli (Salerno) 
Piazza San Francesco, 1 – Convento San Francesco
Telefono: 0828332684
Il Museo è ubicato nell’ex convento di San Francesco, complesso monumentale che risale al XIII secolo e che è stato ampiamente rimaneggiato nel corso del XVI secolo.

 

Villa Romana e Antiquarium di Minori (Salerno) 
Via Capo di Piazza, 28
Telefono: 089852893
Interessanti sono il triclinium e le terme. Sulla terrazza, corrispondente al piano superiore, è collegato l'annesso Antiquarium, che raccoglie pitture e materiale romano rinvenuto in altre ville della zona. Le ricche decorazioni pittoriche del triportico e degli ambienti interni (III stile pompeiano), consentono di collocare l'impianto originario della villa nell'età giulio-claudia.

 

Area archeologica del teatro ellenistico-romano di Nocera Superiore (Salerno) 
Loc. Pareti
Telefono: 081932052
Il teatro ellenistico-romano, costruito nel II sec. a.C., rappresenta il più grandioso esempio, sia per dimensioni che per posizione scenografica, tra quelli documentati in Campania.

 

Necropoli monumentale romana di Nocera Superiore (Salerno) 
Loc. Pizzone
Telefono: 081932052
L'area archeologica comprende alcuni grandi monumenti funerari databili nel I sec. a.C. e allineati lungo una strada che usciva dalla città di Nuceria e si dirigeva verso Oriente. Attualmente sono visibili tre sui sette monumenti individuati: il monumento dei Corneli, quello dei Lutatii e quello dei Numisii.

 

Certosa di San Lorenzo Padula (Salerno) 
Viale Certosa
Telefono: 09757745 0977552 0892573219
La Certosa di San Lorenzo risale al 1306 quando prese il posto di una chiesa benedettina dell’ottavo secolo. Nel 1998 l’Unesco la inserì nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità ed è seconda come grandezza solo a quella di Parma. Voluta da Tommaso di Sanseverino che la donò ai frati Certosini allo scopo di ottenere le simpatie degli Angioini che avevano uno stretto legame con i monaci dell’ordine certosino valore.

 

Museo archeologico nazionale di Pontecagnano
Via Lucania
Telefono: 089848181

 

Parco archeologico urbano dell'antica Picentia – Pontecagnano Faiano (Salerno) 
Via Stadio
Telefono: 089383202
Il Parco archeologico si estende attualmente su una superficie di circa 10 ettari, nell’area dove un tempo sorgeva l’abitato antico. Molto limitati sono invece i resti relativi dell’insediamento pre-romano sui cui resti fu costruita Picentia: si tratta di alcune strutture databili al IV sec. a.C., rinvenute al di sotto di una delle insulae.

 

Cappella San Giuseppe - Sala Consilina (Salerno)
Via Jacopo Sannazzaro
Telefono: 0975525211 
Eretta nel 1735 dalla importante famiglia Bigotti, nella cui vicinanza si trova il Palazzo gentilizio. La famiglia Bigotti era in stretti rapporti con i Certosini di Padula e la Cappella rappresenta uno degli esempi più rilevanti dell’Architettura Barocca nel Vallo di Diano, per l’alternarsi in facciata di elementi concavi ad altri convessi.


Complesso Monumentale San Pietro a Corte (ipogeo e Chiesa S. Anna) Salerno
Larghetto San Pietro a Corte
Telefono: 089318106
La chiesa presenta quattro stratificazioni principali: l’edificio termale romano; l’ecclesia paleocristiana; la cappella di palazzo longobarda e infine il palazzo pubblico medievale. L’edificio è stato sede delle riunioni del Parlamento nel corso del XIII secolo, ed in esso si teneva la cerimonia solenne del conferimento delle lauree della Scuola Medica Salernitana.

 

Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno (Salerno) 
Via Cavour 9
Telefono: 081941451
La collezione permanente ospita i reperti archeologici venuti alla luce negli scavi archeologici condotti a partire dal 1970 nei territori di Sarno, San Marzano sul Sarno e San Valentino Torio, in un percorso espositivo che copre il periodo dalla preistoria al Medioevo.

 

Teatro ellenistico romano Sarno (Salerno) 
Via Foce
Telefono: 0895647201
Dell’edificio, scavato durante gli anni Sessanta, si conserva, oltre all’orchestra, parte della cavea con i sedili della proedria (la prima fila riservata alle autorità) in blocchi di tufo, terminante ai due lati con sculture decorative raffiguranti una sfinge ed un leone alato.

 

Lapidario Dianese del Museo Diocesano di Teggiano (Salerno)
Via Rampa Sant'Angelo
Telefono: 097579930 - 3495140708 
Il Museo racconta la celebre “Pietra di Teggiano”, attraverso millesettecento anni di storia, dal periodo romano al Settecento e costituisce un raddoppio della superficie espositiva del Museo Diocesano “San Pietro”. Inaugurato nel luglio del 2016, espone sculture, iscrizioni e manufatti litici, collocati negli spazi dell’antica cappella di Sant’Eligio, nel complesso architettonico di San Michele Arcangelo di Teggiano. 


Museo Diocesano "San Pietro" di Teggiano (Salerno)
Via San Pietro, 1
Telefono: 097579930 
La trecentesca chiesa di San Pietro, che oggi ospita il Museo Diocesano «San Pietro», fu edificata dagli Angioini sull’acropoli della città antica, presumibilmente sulle fondamenta del tempio dedicato ad Esculapio. Nel 1930 i locali dell’antica chiesa, ormai sconsacrata, furono destinati ad ospitare il Museo Civico, il cui fine precipuo era raccogliere le numerose sculture architettoniche e reperti dall’età romana al XVIII secolo provenienti dal territorio di Teggiano. Negli anni Ottanta, per disposizione della Soprintendenza ai B.A.A.A.S di Salerno, l’edificio fu sottoposto a restauro e nel 1987, dopo un moderno allestimento della sala espositiva, fu inaugurato il nuovo Museo, a cui venne conferito il nome di Museo Diocesano «San Pietro». 


L'Hotel San Luca, situato in una posizione strategica per raggiungere facilmente diverse mete turistiche, come la città di Paestum e i suoi Templi, il Cilento o la Costiera Amalfitana, rappresenta il punto ideale dal quale iniziare un weekend all'insegna della cultura del nostro territorio.

Immagine: Il prossimo 4 marzo, ingresso gratis ai musei!
indietro
precedente successivo